Frantoio Semi-Ipogeo

Frantoio Semi-Ipogeo, Galatone

Frantoio Semi-Ipogeo
4.5
Antike Ruinen • Wahrzeichen & Sehenswürdigkeiten
Informationen
Vorgeschl. Aufenthaltsdauer
Unter 1 Stunde
Bearbeitungen vorschlagen, um zu verbessern, was wir anzeigen.
Diesen Eintrag verbessern

4.5
6 Bewertungen
Ausgezeichnet
4
Sehr gut
2
Befriedigend
0
Mangelhaft
0
Ungenügend
0

luciano c
San Severino Lucano, Italien38 Beiträge
visita con gruppo studentesco
Apr. 2017 • Geschäftlich
Un santuario finalmente ristrutturato con un altare maggiore in pietra leccese, decorato con colonne tortili e bassorilievi raffiguranti la virtù cardinali.
Verfasst am 28. April 2017
Diese Bewertung ist die subjektive Meinung eines Tripadvisor-Mitgliedes und nicht die von TripAdvisor LLC.

Franco S
Racale26 Beiträge
Un tuffo nella storia
Aug. 2016 • Allein/Single
Luoghi suggestivi che ti trasmettono pace e tranquillità.
Un salto nell'archeologia industriale del tempo.
Verfasst am 6. September 2016
Diese Bewertung ist die subjektive Meinung eines Tripadvisor-Mitgliedes und nicht die von TripAdvisor LLC.

eleonora a
Lecce, Italien63 Beiträge
La cathédrale engloutie
März 2016 • Familie
Il sito e` stupefacente per l`armonia ed il continuo richiamo tra le varie arcate.
Al momento e` una tappa d`obbligo per chi visita il Salento, in quanto ospita
la magnifica esposizione delle opere di Giuseppe Manisco.
Le opere riproducono alcuni bozzetti di Leonardo, esprimendo perfettamente lo spirito,
talvolta burlone, del grande Genio.
Le opere sono a completa disposizione del visitatore, che le puo` toccare e vedere in azione
Verfasst am 29. März 2016
Diese Bewertung ist die subjektive Meinung eines Tripadvisor-Mitgliedes und nicht die von TripAdvisor LLC.

giresta
Galatone, Italien146 Beiträge
un bell'esempio di Archeologia proto industriale del mezzogiorno borbonico
Okt. 2015 • Allein/Single
All’interno del Palazzo Marchesale troviamo, abbastanza ben conservato, il frantoio proto-industriale costruito da Angelo Granito; maritato nel 1838 alla quattordicenne Francesca Pignatelli y Aymerich Pinelli Ravaschieri, 10ª principessa di Belmonte. Don Luigi Semola, agronomo di Otranto e Amministratore Generale e dei beni della Casa Pignatelli di Belmonte, nel 1844 organizzò l’impianto. Nel frantoio lavoravano stabilmente 64 operai, oltre a 100 e più persone. Nella stalla 48 muli che si alternavano alle macine. Ma l’elemento assolutamente originale era il fatto che a quell’epoca lo stabilimento fosse illuminato di giorno e di notte da 72 lumi a gas; gas conosciuto come “gasogeno”, (composto da gas d'acqua e gas d'aria ed è una miscela di monossido di carbonio, anidride carbonica, azoto e idrogeno) prodotto dalla combustione ipossigenata, in una caldaia interrata, la cui sede ancora oggi possiamo ammirare, di scarti vegetali di lavorazione, oggi “biomasse”; rielaborazione locale del tipo costruito dall’ingegnere W. Murdock in Inghilterra.

Verfasst am 22. Oktober 2015
Diese Bewertung ist die subjektive Meinung eines Tripadvisor-Mitgliedes und nicht die von TripAdvisor LLC.

Ottilo1954
Mailand, Italien9 Beiträge
Un pezzo della storia agricola salentina
Sep. 2015 • Paare
E' un reperto ottimamente recuperato e restaurato.
Esempio di frantoio tradizionale all'avanguardia all'epoca della realizzazione.
E' assolutamente da visitare ed è apprezzabile il recupero della struttura che ha riportato alla luce e valorizzato i particolari originari dell'impianto.
Verfasst am 21. September 2015
Diese Bewertung ist die subjektive Meinung eines Tripadvisor-Mitgliedes und nicht die von TripAdvisor LLC.

Andrea R
Bergamo, Italien233 Beiträge
Il più grande frantoio (semi)ipogeo d'Italia è ora visitabile!!
Juli 2015 • Freunde
Scoperto per caso nel corso di una passeggiata nel centro storico di Galatone, una meravigliosa sorpresa. Si trova all'interno del palazzo Marchesale e della relativa torre-fortezza. Fino a 30 anni fa sede di un convento, ora riscoperto, ristrutturato ed aperto al pubblico grazie a fondi europei (e non solo). La simpatica e competente giovane guida ci ha accompagnati nel viaggio a ritroso nel tempo, descrivendoci le passate attività del grandissimo frantoio semi ipogeo (le finestre danno sulla strada) dove lavoravano, oltre agli asini, oltre 100 persone. Molto interessante e davvero impressionante per dimensioni e, se si può dire di un frantoio, per bellezza (merito anche della felice ristrutturazione). Consiglio caldamente una visita, in orario serale visto il caldo (è aperto fino alle 22.30), magari dopo aver visitato le bellissime chiese di Galatone, quella del Crocefisso su tutte (ma di queste parlerò poi)
Verfasst am 2. August 2015
Diese Bewertung ist die subjektive Meinung eines Tripadvisor-Mitgliedes und nicht die von TripAdvisor LLC.
Fehlt etwas oder stimmt etwas nicht?
Bearbeitungen vorschlagen, um zu verbessern, was wir anzeigen.
Diesen Eintrag verbessern